’Università degli Studi di Firenze ha depositato il 30 dicembre scorso, oltre i tempi massimi per un ricorso al TAR, un ricorso straordinario al Presidente della Repubblica contro le integrazioni fatte al Piano di Indirizzo Territoriale (PIT).
Contestiamo questa reazione tardiva e probabilmente poco efficace dell’Ateneo: la portata e le implicazioni di questo ricorso, infatti, non sono paragonabili a quelle di un ricorso al TAR.

Ci preoccupa, inoltre, la possibilità che in un secondo momento l’Università si defili, suggestionata da promesse di risarcimento solo parziale dell’ingente danno economico-patrimoniale che subirà. Aleggia infatti in San Marco l’idea di spostare il blocco aule ed il Laboratorio Europeo di Spettroscopia Non-lineare (LENS) “un po’ più in là” dal confine della zona di tutela C dell’ENAC.

   leggi l’uscita completa

manif